Grandi  Malocclusioni

Grandi Malocclusioni - Odontoiatria Chirurgia Peretta SantacatterinaSi definiscono grandi malocclusioni quelle alterazioni dell’occlusione che non dipendono solo dai denti ma anche dallo scheletro.
Ad esempio:
  • un eccesso di lunghezza della mandibola causa un morso inverso anteriore,
  • un deficit di lunghezza della mandibola è percepito come un’eccessiva sporgenza dei denti superiori rispetto a quelli inferiori.

Il primo problema si corregge accorciando la mandibola con un intervento di chirurgia maxillo-facciale, il secondo problema si risolve allungando la mandibola.

Tuttavia l’ intervento chirurgico non può essere fatto se prima la dentatura non è stata adeguatamente preparata.

Detto in parole semplici la scatola (i denti inferiori) ed il coperchio (i denti superiori) devono avere una uguale dimensione per consentire il corretto incastro dei denti.

Da quanto detto risulta chiaro che la correzione delle grandi malocclusioni è un gioco di squadra tra ortodontista e chirurgo. La loro collaborazione però deve iniziare prima del trattamento ortodontico formulando assieme un piano di trattamento per decidere quanto spostare le basi scheletriche e come preparare la dentatura.

Diverse scelte strategiche portano  risultati finali sensibilmente diversi: tutti hanno una occlusione normale ma l’aspetto del viso può essere molto diverso in funzione del tipo di spostamento programmato.

L’estetica facciale è un obbiettivo di trattamento importante ed è per questo che tutte le soluzioni possibili devono essere vagliate e scelte non solo in funzione della occlusione dei denti ma anche dell’armonia e dell’equilibrio delle parti che compongono il viso.

La diagnosi condivisa tra ortodontista e chirurgo e l’armonico procedere del trattamento sono i fattori decisivi per il successo del trattamento.